La salute prima di tutto!

La salute prima di tutto! – Abbiamo ottenuto molto, ma molto resta da fare! Dobbiamo tener duro, ad ogni costo!

Il Coronavirus ha ormai in pugno il mondo intero, compresa la Svizzera, le FFS, FFS Infrastruttura e le nostre colleghe e i nostri colleghi.

Da ormai 2 settimane, il SEV lavora giorno e notte per ottenere la maggior protezione possibile per lavoratrici e lavoratori. È stato deciso che le ferrovie continuino a circolare. Di conseguenza, molti settori dell’esercizio e della manutenzione non possono semplicemente chiudere. Ad oggi, del resto, sono aperti anche numerosi cantieri e molte industrie. 

Il SEV ha sempre richiesto:
- di interrompere tutte le attività non indispensabili per l’esercizio;
- di rispettare ad ogni costo le misure di protezione;
- di proteggere in modo particolare le persone a rischio, che non devono essere chiamate a lavorare sul posto;
- di tener conto della situazione di rischio accresciuto venutasi a creare in Ticino.

Oggi possiamo constatare che:

Le persone a rischio possono restare a casa. Alcune hanno persino ricevuto dal loro capo l’ingiunzione di restare a casa.
Purtroppo, vi sono però ancora superiori che non hanno realizzato la gravità della situazione.

È anche chiaro che, in caso di malattia, il certificato medico è necessario solo dal sesto giorno. Tutte le altre disposizioni al riguardo emanate a titolo personale sono adesso prive di validità!

Per ciò vi chiediamo di rivolgervi subito al SEV in caso di problemi.

Le direttive del Consiglio federale devono essere rispettate!
Queste si estendono anche al tragitto per il e dal posto di lavoro e il cantiere.
Quindi, evitate di riempire auto e furgoni. Se non è possibile fare altrimenti, prendere la vostra auto privata e le spese vi saranno rimborsate!

Le direttive valgono anche per i locali del personale, di pausa, di istruzione ecc.
Non ha senso rispettare sul cantiere direttive come, per esempio, quella sulla distanza minima, per poi andare a sedersi in dieci allo stesso tavolo in un locale angusto per consumare il pranzo! Sono negligenze che possono mettere in pericolo la salute vostra e dei vostri colleghi!

Le direttive valgono anche per i provvedimenti di disinfezione!
Il SEV ha iniziato già 10 giorni fa a richiamare i dirigenti FFS sulle particolari condizioni dei cantieri, dove in genere mancano le possibilità di lavarsi. La fornitura di disinfettante in quantità sufficiente deve quindi essere garantita ovunque. Da quanto ci è dato di sapere, le FFS hanno, sia pure con ritardo, dato seguito a questa richiesta.

Se ciò non fosse il caso, vi chiediamo di annunciarlo subito alla CoPe o al SEV!

Comportamento delle ditte esterne
Il SEV ha costatato che spesso le ditte esterne e il loro personale non rispettano questi provvedimenti ed è intervenuto praticamente ogni giorno presso le FFS per richiamarle in merito.
Simili negligenze mettono in pericolo in primo luogo il personale delle ditte, ma anche voi. Vi chiediamo pertanto di non tacere, ma di intervenire immediatamente.
Ci è stato riferito di ditte esterne che mettono sotto pressione i loro dipendenti, giungendo a minacciarli di licenziamento. Vi chiediamo di segnalare immediatamente al SEV simili casi che dovessero giungervi a conoscenza. Queste porcherie sono inaccettabili e bisogna mettervi fine subito.

Verificare continuamente i cantieri e i lavori di manutenzione
Il SEV è quotidianamente in contatto con i responsabili delle FFS e riporta loro in continuazione quanto ha ricevuto dalla superficie. In questo modo, abbiamo potuto ottenere numerosi miglioramenti e la chiusura di numerosi cantieri, soprattutto in Ticino, dove la situazione è tutt’ora particolarmente tesa.
Dopo l’ultimo colloquio, le FFS hanno accettato di verificare ancora una volta la necessità di alcuni lavori.

Gentili colleghe e cari colleghi
In questi tempi particolarmente difficili, il SEV tenta in tutti i modi di proteggervi.

Per farlo, dobbiamo veramente considerare che prima di tutto vengono la salute e la sicurezza!

Su tutto il resto, potremo discutere a lungo anche in futuro. Saremo del resto senz’altro chiamati a farlo, per le inevitabili assenze dal lavoro, le situazioni di quarantena e quant’altro.
Con le FFS, abbiamo però già potuto convenire tre punti fermi:

  • non possono essere attribuite vacanze del 2020
  • i conti CTS sono garantiti
  • le assenze per il Corona-Virus non possono portare ad un saldo negativo del conto del tempo di lavoro annuale

Vi abbiamo riassunto lo stato attuale della situazione che è però naturalmente oggetto, unitamente ad altri temi, di discussioni continue con le FFS.

Ora abbiamo chiesto alle FFS che per ogni cantiere e ogni posto di lavoro venga definito un o una responsabile della sicurezza per il Corona-virus, in grado di intervenire immediatamente laddove non vengono rispettate le misure di protezione.
Le FFS stanno verificando questa proposta, che è già stata realizzata per i cantieri di AEP più grandi rimasti aperti. Riteniamo che questo provvedimento sia indispensabile, a maggior ragione per i cantieri che devono restare aperti per motivi particolari.


In questa situazione difficile e, per molti versi, caotica, il SEV sta veramente facendo di tutto per ottenere le migliori condizioni possibili per voi.

Per finire, vi rinnoviamo l’appello a

Prestare la massima attenzione alla vostra salute. Fatelo per voi stessi, ma anche per i vostri colleghi, i vostri cari e i vostri amici!

Il vostro sindacato SEV

Enable JavaScript to view protected content.

Scrivi commento